GEOPOLITICA DEL NARCOTRAFFICO IN AMERICA LATINA di Norberto Emmerich

GEOPOLITICA DEL NARCOTRAFFICO IN AMERICA LATINA di Norberto Emmerich

Disuguaglianza nello sviluppo economico, situazioni di povertà, territori inospitali, assenza dell’autorità statale e potere nelle mani di organizzazioni criminali e di forze di polizia che spesso si scambiano i ruoli: questo è il quadro che sta alla base del narcotraffico in America Latina, illustrato in questo libro dal professor Norberto Emmerich, esperto argentino in relazioni internazionali. Lo sbocco finale del traffico mondiale di stupefacenti è, il più delle volte, costituito dagli Stati Uniti d’America e dall’Europa. I primi in particolare, usando i pretesti della “lotta al narcotraffico” e della “sicurezza nazionale”, attuano profonde ingerenze negli affari interni degli stati sovrani latinoamericani, appoggiando con ogni mezzo governi a loro favorevoli, che, esacerbando le iniziali gravi condizioni politico-economiche, non fanno che alimentare il fenomeno in un circolo senza fine. Messico, Brasile e Colombia, ma anche Argentina, sono i principali capisaldi di quella che Emmerich chiama, non a torto, “geopolitica del narcotraffico”, i cui tentacoli si dipanano a livello mondiale. Per il lettore italiano, abituato ad una narrazione tendenzialmente molto più semplificata del fenomeno, Geopolitica del Narcotraffico in America Latina può dunque rappresentare una lettura non soltanto esaustiva, ma soprattutto illuminante.


Questo e altro nel nuovo studio targato Anteo, qui.