I SETTE GRATTACIELI DI STALIN di Alessandro Attori

I SETTE GRATTACIELI DI STALIN di Alessandro Attori

L’architettura sovietica tra avanguardia e tradizione

di Alessandro Attori


I Sette Grattacieli di Stalin – L’architettura sovietica tra avanguardia e tradizione è un breve saggio volto a scardinare alcuni dei più radicati pregiudizi sull’architettura moderna e contemporanea con particolare riferimento alle vicende sovietiche. L’autore opera un veloce ma approfondito studio sull’architettura russa dalla fine degli zar ai giorni nostri, indagando su aspetti tecnici e costruttivi, politici ed economici, filosofici ed estetici, elaborando un’originale ed incisiva critica dell’architettura sovietica e i suoi rapporti con la tradizione, le avanguardie e l’architettura contemporanea. Fulcro del lavoro sono i celebri “Sette Grattacieli di Stalin”, la storia del loro concepimento, della loro costruzione e il profondo significato celato in essi.

Alessandro Attori, nasce a Gorizia nel 1978, ma è friulano di Gemona, dove attualmente vive. Dopo la scuola militare Nunziatella a Napoli e la laurea magistrale in ingegneria edile a Trieste si dedica alla progettazione architettonica e strutturale in vari campi, senza trascurare la ricerca: da sempre appassionato di storia dell’architettura, delle tecniche costruttive e di questioni metafisiche e filosofiche, ha affrontato studi sul suo famoso concittadino Raimondo d’Aronco, sull’architettura in Friuli e nel gemonese – epicentro del sisma del ‘76 – e sull’architettura degli anni Venti e Trenta a Trieste.


Quantity

Questo e altro nel nuovo studio targato Anteo, qui.