VIET NAM SPINACI D'ACQUA E MELANZANE

13.00 € (tax excl.)

UNA CIVILTA’ VEGETALE FRA STORIA E LETTERATURA di Sandra Scagliotti Se il Viet Nam, con la sua cucina eclettica e multiforme, è oggi la nuova…

Categorized in
Quantity

UNA CIVILTA’ VEGETALE FRA STORIA E LETTERATURA

di Sandra Scagliotti


Se il Viet Nam, con la sua cucina eclettica e multiforme, è oggi la nuova stella della gastronomia internazionale, insieme con il riso, spinaci d’acqua e melanzane, sono, per tutti i vietnamiti, simbolo della patria, emblema e metafora di questa formidabile “civiltà vegetale”. Attingendo da antichi saperi, attraverso spunti storico-letterari, questo volume intende avvicinare il lettore ad alcune pratiche alimentari, agrarie e cultuali del paese, per tentare, innanzitutto, di contrastare una serie di luoghi comuni e stereotipi che caratterizzano la percezione del Viet Nam in Italia. Intraprendere un’adeguata esplorazione gastronomico-culturale, seppur virtuale è, del resto, uno dei modi migliori per coltivare la conoscenza di questo meraviglioso angolo di Asia, per scoprire, comprendere, e dunque amare il Viet Nam.


Dettagli

Anno: 2018
Pagine: 154
ISBN: 978-88-98444-58-8

INTRODUZIONE

I. IL CIBO, SPECCHIO DEL MONDO
Fra Oriente e Occidente. Cucina e arte
La cucina è la storia del mondo
Alimentazione e semiotica ….
Coltivare, mangiare e pregare

 

II. LA CUCINA FRA LE PAGINE DI STORIA
Cibo, pensiero, diplomazia
Fra due mondi. Pace e amicizia in cucina
Elementi di cultura del cibo in Viet Nam e nella grande Storia
Il tempo della guerra e dell’austerità. Politica, ideologia, immaginazione
L’Hotel Métropole e il bunker sottoterra
Mangiare per sopravvivere, mangiare sottoterra
Insaporire la Storia. Il richiamo degli ambulanti
Il gusto della cultura. Libri e ristorazione
Mangiare e trapiantare il riso. Le stagioni nel piatto
Dissodare ed esportare. L’agricoltura esotica nell’Hexagone
Assaporare ‘Les fleurs du mal’

 

III. LA GASTRO-LETTERATURA E L’ICONOGRAFIA
Letto vuoto e pancia piena
All’arte non si sacrifica il lardo
Bulimia. La cultura salva
Il matrimonio fra Est e Ovest
Amore e coriandolo

 

IV. UNA TERRA ABBONDEVOLE D’OGNI COSA
Balaciam, merangoli e mortadella
Il morso del betel
I contenitori di calce, il tripode e altri arnesi
I mercati d’Indocina
Artigiani e comunità rurali
L’acqua, la terra e le pratiche agricole. Fra mito e leggenda
Sentenze parallele: il crepuscolo dei calligrafi
L’iconografia popolare: la vita nei campi e la modernità

 

V. ANTICHI SAPERI E NUOVE RISORSE
I paesaggi bioculturali e le sfide della nuova agricoltura
Le comunità autoctone e le terrazze di riso
Cibo e cerimoniali nelle regioni montane
Kinh, cucina, medicina, armonia
Il cancello delle foglie e le erboriste di Dai Yen
Poteri terapeutici e spiriti celesti
Il mondo in una zucca
Il corpo e la mente
Le Huu Trac e il Fito-Museo

 

VI. RISAIE, CULTURA E CREATIVITÀ
Patria, spinaci e melanzane
Ingordi e rei, impuniti a tavola
Ebbrezza, scacchi e poesia
Il tè di Tu Duc e il caffè degli altopiani
Mangiare-amare-Viet Nam
Civiltà contadina, riti e linguaggio
L’uomo all’esterno la donna all’interno
Angurie, lenticchie e mit

 

VII. UN GIARDINO FIORITO E PROFUMATO.
ABITUDINI, FESTE E RITI IN TAVOLA
Dalla storia alla tavola: il Viet Nam vincerà
Cina e Francia nella ciotola
Cucina multiforme e profumo della Storia
Riso, legumi e fiori
Lanterne vegetali, graminacee dongosoniane e anime erranti
Doi Moi e alimentazione
La diaspora e la scomparsa della zuppa
Vietnamizzare la cucina
Riferimenti bibliografici
Riferimenti sitografci
Riferimenti iconografici
0 0items

Your shopping cart is empty.

Items/Products added to Cart will show here.