XINJIANG, “Nuova Frontiera” tra antiche e nuove Vie della Seta di Maria Morigi

XINJIANG, “Nuova Frontiera” tra antiche e nuove Vie della Seta di Maria Morigi

Lo Xinjiang, oggi parte della Repubblica Popolare Cinese come Regione autonoma uigura dello Xinjiang, è una delle suddivisioni amministrative cinesi meno conosciute. Fulcro strategico della Nuova Via della Seta, Belt and Road, progetto lanciato nel 2013 dal presidente cinese Xi Jinping, è anche un’ area cruciale del pianeta per logistica, comunicazione e biodiversità.

Questo libro, frutto di ricerca e osservazione diretta sul campo, prende le mosse dall’ antica Via della Seta. Con attenzione alla ricerca storico-scientifica, ci conduce a conoscere popoli, lingue, tradizioni, religioni, città-oasi e siti rupestri, senza trascurare i conflitti, gli sviluppi politici dei secoli XIX e XX e temi controversi, quali ingerenze straniere e coloniali, identità islamiche e rivolte,  pulsioni indipendentiste e terrorismo. L’esposizione dei fatti più recenti è sostenuta da informazioni sulle norme legislative relative ad autonomia regionale, tutela delle minoranze etnico-religiose, misure di sicurezza e di contenimento del terrorismo. La conclusione, scevra da impostazioni ideologiche preconcette, discute le forme della nuova globalizzazione. Poiché, sostiene l’autrice, un’ informazione distorta e deviata da pregiudizi maschera, in realtà, il timore di non essere in grado di affrontare  relazioni e confronto con altre culture.


Questo e altro nel nuovo studio targato Anteo, qui.